Covi Sara

SEGRETARIA

Sara Covi

 

Nata a Cles il 29 giugno del 1987, sono cresciuta in un paesino sperduto della Val di Non chiamato Seio (spesso sconosciuto anche agli stessi nonesi).

Da sempre ho coltivato la passione per le lingue e le culture straniere e, dopo essermi diplomata al Liceo Linguistico di Cles, mi sono laureata a Verona in Lingue per il Turismo, per poi specializzarmi, sempre nella città di Romeo e Giulietta, in Lingue per la comunicazione turistica

Prima di ristabilirmi in Val di Non ho viaggiato all'estero ogni volta che mi è stato possibile. In quarta superiore mi sono quindi trovata a frequentare la Blue Eye High School nel Sud conservatore del Missouri; poi è arrivata la tappa universitaria obbligatoria, l'Erasmus, che mi ha portato, per caso, a Erlangen, a nord di Norimberga, in Germania e infine, durante la specialistica ho partecipato al World Wide Study Program che mi ha permesso di vivere per alcuni mesi a Tucson, in Arizona, tra cactus, Grand Canyon e influenze messicane. 

Negli anni ho sviluppato un forte interesse per la cooperazione e la solidarietà internazionale. Vivere un mese a Nanyuki, in Kenya,è stato il primo grande passo in questa direzione, arrivando alla ideazione e realizzazione di una serie di progetti "responsabili", tra cui due documentari sui progetti di cooperazione internazionale di associazioni della Val di Non in Africa e in Sud America. Ho dedicato la mia tesi finale di laurea a Lampedusa, alla questione migrazione e allo sviluppo di un turismo più responsabile sull'isola.

Ho sempre avuto mille interessi, e questo si rispecchia nella mia situazione professionale. Lavoro infatti come libera professionista in svariati ambiti: collaboro con l'Azienda per il Turismo Val di Non e l'Associazione Strada della Mela e dei Sapori; ho lavorato a Berlino per Viventura, un tour operator che crea viaggi sostenibili in Sudamerica; ho collaboratoe con la Comunità della Val di Non per il coordinamento di progetti (es. pari opportunità, volontariato, ruolo della donna, migrazioni) ecc. Da quando la mia strada si è incrociata (ahimè) con quella di Michele Bellio, condividiamo non solo la vita sentimentale, ma anche quella professionale (è un guaio?). Insieme infatti gestiamo il Cinema Teatro di Cles e ci impegniamo a dare vita ad eventi culturali che speriamo possano lasciare il segno e contribuire a migliorare almeno un po' il mondo in cui viviamo.

 

 

 

 

 

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.